La Resa vista da Roberto Baldini

La resa degli innocenti – Irma Panova Maino, recensione

La resa degli innocenti coverAvete mai detto o pensato “Se toccano i miei figli, giuro che li uccido…”.

Penso che tutti, prima o poi, abbiamo fatto questo pensiero, addirittura chi non ha figli da difendere.

Barbara, purtroppo, è costretta ad affrontare questa terribile realtà: suo figlio è stato rapito e il non sapere che cosa ne sia stato di lui la sta dilaniando dentro, lentamente e inesorabilmente.

Barbara si sta lasciando morire dentro e fuori: il suo corpo l’abbandona giorno dopo giorno, pezzetto dopo pezzetto. Il suo cuore si è talmente rinsecchito da battere a stento, capisce che Barbara non ha più voglia di vivere, e Barbara muore.

Dalle sue ceneri rinascerà Rian, una donna sensuale e determinata che cercherà il criminale che ha rapito suo figlio. Un’odissea alla giovane Holden che la porterà in locali bui frequentati da gente che definire equivoca è un eufemismo.

Ritrovare il figlio le costerà tempo e sacrificio e, come Pollicino, Rian lascerà dietro sé una lunga scia. Le briciole, però, saranno colorate di rosso, il rosso del sangue malvagio che scorreva nelle vene delle sue vittime. Lei, carnefice dei carnefici, sarà aiutata da un uomo misterioso per riuscire a trovare

continua a leggere su: La resa degli innocenti – Irma Panova Maino, recensione.

About the author: iltronodelvampiro

Leave a Reply

Your email address will not be published.

diciassette + undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.